Scuola, giostra di errori e caos

Diversi mesi fa, all’indomani del primo giorno di scuola, il premier Matteo Renzi dichiarò: “Un anno di curiosità e passioni”, gli fece eco il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini parlando di “Sfide importanti e grandi responsabilità”, all’oggi però nulla è cambiato sulla giostra di errori e caos che affligge la scuola; l’insegnamento, anche in Italia, dovrebbe essere un diritto ed una giusta opportunità data ai ragazzi ma sembra che più passano gli anni più studiare in questo Paese serva quasi a nulla.
Continua a leggere

“Fumo”, legalizzazione VS proibizione

Rendere legale il “fumo” ossia il consumo di marijuana per uso ludico o terapeutico (accessibile ai malati) sarà la prossima battaglia il Parlamento, in Italia l’uso personale non è permesso ed è punito con sanzioni amministrative ma diversi provvedimenti legislativi saranno esaminati, fra i quali c’è proprio quello sulla legalizzazione delle droghe leggere identificate in particolare con le piante del genere Cannabis (canapa) da cui notoriamente si ricava marijuana e hashish. 
Continua a leggere

3° RAPPORTO DI RICERCA SULLA CONDIZIONE SCOLASTICA E LAVORATIVA DEI GIOVANI NEL CIRCONDARIO IMOLESE

L’ Associazione Culturale Primola col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola e la collaborazione del Nuovo Circondario Imolese ha predisposto e realizzato la terza edizione della ricerca sulla condizione scolastica e lavorativa dei giovani del Circondario Imolese (2015/2016) con lo scopo di individuare i trend evolutivi degli indicatori e delle problematiche rilevate nell’ambito della prima  e della seconda edizione (2011/2012 e 2013/2014).
Continua a leggere

Astensione, la “maggioranza” silenziosa dell’antipolitica

Da un po’ di tempo sul web si esprime preoccupazione sulle conseguenze dell’uso massiccio di indicazioni che la politica pone sul diritto di scegliere, anche elettoralmente, con la vecchia dicotomia de “il buono e il cattivo”, limitando così facendo la libertà mentale dei cittadini.

Non c’è da attendersi da persone colte come i professionisti della politica un atteggiamento del genere, da loro che hanno studiato ci si aspetta che il bagaglio culturale che si portano dietro possa in qualche modo essere d’aiuto alla gente che “ignora” le soluzioni dei problemi, perché per il cittadino non c’è divisione tra tempo libero e lavoro, tra riposo e fatica e non c’è più tempo per dedicarsi ad altro; fino a qualche tempo fa è stato così, quindi si è delegato, troppo e soprattutto non curandosi delle ragioni di quelli che astenendosi non delegavano.

Anche sulle questioni politico-elettorali si è troppo delegato, perdendo capacità conoscitiva e decisionale verso i rappresentanti delle forze politiche, diventando così dei consumatori manipolati in nome delle retoriche sulla libertà grazie alle quali nel contempo abbiamo ricevuto il “biscotto”, ovvero il mondo web a portata di mano diventando bravissimi a fare, sapere e ottenere tutto come e quando vogliamo.

E’ anche grazie a tutto questo poco edificante “trend” che da qualche tempo un “mostruoso” numero di italiani non vota più, politiche o amministrative non fa differenza e per il referendum costituzionale del 4 dicembre sarà “terzo partito” fra i “SI” e i “NO”, una quasi maggioranza silenziosa stimata da Emg al 40% degli aventi diritto al voto quella che “bypasserà” la consultazione, astenendosi.

Perché? Troppo facile imputare la causa di ciò al disagio sociale colpa della crisi economica, sono invece segnali di rifiuto verso le istituzioni da parte di cittadini che ogni giorno lottano invano per veder affermati i propri diritti ma anche per poter esercitare i propri doveri senza i lacci e legacci assurdi dei “vizi” di casa nostra, quelli che cercano verità dietro muri di gomma e che chiedono la giustizia più banale, quelli che non pensano che per far diventare il proprio Paese come “normale” sia necessario un referendum ma che di contro servirebbe solo buon senso e onestà intellettuale da parte di chi li rappresenta in Parlamento.

Referendum molto macchinoso d’altronde, in cui riformare cose che non si capiscono e non convincono ha poco senso, questo il parere di tanti costituzionalisti, figuriamoci il “sentimental” del semplice cittadino alle prese col testo che istituisce le basi della nostra Repubblica; sui “forum” social poi troneggiano ad arte le argomentazioni più sibilline, dalle leggi votate in pochi giorni che sono il contraltare di chi afferma che solo votando “SI” si snellirà l’iter legislativo alle nuvole nere che si addensano sull’immunità parlamentare che verrebbe data ai sindaci e consiglieri regionali, visto che la metà dei comuni italiani sono in odore di corruzione.

 Se bello è ciò che piace altrettanto può essere il diritto di scegliere, anche di non votare, di non fare, fare un passo indietro semmai solo per vedere se e per quanto tempo ancora i rappresentanti dei partiti e movimenti che conosciamo la smetteranno di autoreferenziarsi solo col voto di pochi, abdicando finalmente da dignità intoccabili che da troppo tempo la maldestra politica nazionale ha benedetto.

Giuseppe “vas” Vassura