Pilota automatico: imprevisto o.. codice mortale?

Non è ancora chiaro se il passeggero-pilota quarantenne Joshua Brown erroneamente abbia dato gas eludendo di fatto il sistema di guida automatica o se invece, come confermano alcune ricostruzioni, stesse guardando un film, oppure se il sistema Autopilot che risultava inserito, ossia una specie di guida semiautomatica, abbia scambiato il colore bianco del camion con l’azzurro pallido del cielo, di fatto la Tesla dell’americano si è schiantata tragicamente su un articolato ponendo così fine alla vita dell’indifesa vittima.
Continua a leggere

Mondi ‘distanti’

“Worlds Apart”, ovvero mondi distanti, è stato il primo pensiero sulla via del ritorno da Milano dove ho gustato a tutto tondo le quattro ore del concerto di Bruce Springsteen; logico che non riguardasse le decine di migliaia di fan del “boss” che adornavano lo stadio meneghino ma bensì tutti gli altri meno fortunati di me ovvero quelli che non c’erano e mai ci saranno, tutta la “sua” gente, quella in difficoltà, quella a cui principalmente presta attenzione e supporto anche finanziario lo yankee di Freehold ed alla quale da sempre sono rivolti i testi e le musiche delle sue canzoni.
Continua a leggere

Le candidature ai Nastri d’argento – 2016

Sono state presentate al MAXXI di Roma le candidature ai Nastri d’argento, premi del sindacato nazionale giornalisti cinematografici che vengono assegnati dal 1946. L’annuncio delle cinquine delle candidature delle varie categorie, che riceveranno il premio a Taormina il prossimo 2 luglio, è avvenuto in seguito alla proiezione di Nastri 70: argento vivo, un docufilm di Antonello Sarno dedicato a Ettore Scola e che ripercorre i settant’anni del premio con immagini dell’archivio Luce, di Rai Teche e RTI.
Continua a leggere

Brexit: un percorso obbligato

Da più parti si imputa il successo dei “Leave” alla voce delle ultime settimane ante voto che dava sempre più per certo l’ingresso nell’Unione Europea da parte della Turchia e conseguentemente l’arrivo nelle isole britanniche di qualche centinaio di migliaia d’immigrati poveri e musulmani, ha forse inciso questo sulla scelta referendaria “Brexit” da parte della maggioranza dei sudditi di Sua Maestà, ovvero la paura dell’invasione.
Continua a leggere